Podcast storici

La battaglia più sanguinosa della storia

La battaglia più sanguinosa della storia

La battaglia di Stalingrado fu probabilmente la battaglia più sanguinosa della storia, con un totale di 1.971,00 vittime, di cui 841000 dalla parte tedesca e 1 130 000 sovietici. Combattuta durante la seconda guerra mondiale, tra l'agosto 1942 e il febbraio 1943, questa battaglia era tutta per ottenere il controllo di Stalingrado (ora conosciuta come la città di Volgograd).

La battaglia iniziò quando la Luftwaffe tedesca bombardò la città, lasciando molti edifici in rovina. Quando l'esercito tedesco avanzò, finirono per combattere i sovietici da un edificio all'altro, rovina in rovina. Sebbene i tedeschi controllassero oltre il 90 percento della città, non riuscirono a sbarazzarsi dei restanti soldati sovietici. Con il freddo dell'inverno arrivò un attacco su due fronti dell'Armata Rossa e la Sesta Armata tedesca si trovò in gravi difficoltà. Continui attacchi, freddo e fame iniziarono a farsi sentire, ma Hitler rifiutò il permesso di ritirarsi. Nel febbraio del 1942 i tedeschi tentarono di scoppiare ma, con tutte le linee di alimentazione tagliate, furono schiacciati.