Podcast di storia

Fokker V.21

Fokker V.21

Fokker V.21

La designazione V.21 si riferisce a due velivoli Fokker. La prima era la versione di produzione del Fokker D.VII. Il secondo era una versione modificata del D.VII con ali affusolate invece delle ali dritte del D.VII. Questo prototipo era alimentato da un motore Mercedes D.IIIau da 200 CV, ma nonostante ciò non si comportava così bene come l'originale D.VII. Il prototipo partecipò alla seconda competizione di caccia, del giugno 1918, ma non fu selezionato per ulteriori sviluppi.

Libri sulla prima guerra mondiale | Indice per argomenti: prima guerra mondiale


Fokker D.VII

Il Fokker D.VII era un aereo da caccia tedesco della prima guerra mondiale progettato da Reinhold Platz del Fokker-Flugzeugwerke. La Germania ha prodotto circa 3.300 velivoli D.VII nella seconda metà del 1918. In servizio con la Luftstreitkräfte, il D.VII si dimostrò rapidamente un aereo formidabile. L'armistizio che poneva fine alla guerra richiedeva specificamente, come quarta clausola delle "clausole relative al fronte occidentale", che la Germania fosse tenuta a consegnare tutti i D.VII agli Alleati. [1] Gli aerei sopravvissuti hanno visto molti servizi in molti paesi negli anni successivi alla prima guerra mondiale.

Sviluppo e produzione

Il capo progettista di Fokker, Reinhold Platz, aveva lavorato su una serie di velivoli sperimentali della serie V, a partire dal 1916. Gli aerei si distinguevano per l'uso di ali a sbalzo. Hugo Junkers e la sua azienda di aviazione avevano dato origine all'idea nel 1915 con il primo aereo pratico interamente in metallo, il monoplano Junkers J 1, soprannominato Blechesel (Asino di lamiera o Asino di latta). Le ali erano spesse, con un bordo anteriore arrotondato. La forma del profilo alare delle ali dava maggiore portanza, con il suo bordo d'attacco relativamente "smussato" (come si vede in sezione trasversale) che gli conferiva un comportamento di stallo più docile rispetto alle ali sottili comunemente in uso.

Alla fine del 1917, Fokker costruì lo sperimentale V 11 biplano, equipaggiato con il motore standard Mercedes D.IIIa. Nel gennaio 1918, Idflieg tenne una gara di lotta all'Adlershof. Per la prima volta, i piloti di prima linea hanno partecipato alla valutazione e alla selezione di nuovi combattenti. Fokker ha presentato il V 11 insieme a molti altri prototipi. Manfred von Richthofen ha volato con il V 11 e l'ha trovato difficile, sgradevole e instabile direzionalmente in immersione. Platz allungò la fusoliera posteriore di una baia strutturale e aggiunse una pinna triangolare davanti al timone. Richthofen ha testato il V 11 modificato e lo ha elogiato come il miglior velivolo della concorrenza. Offriva prestazioni eccellenti rispetto all'obsoleto motore Mercedes, ma era sicuro e facile da pilotare. La raccomandazione di Richthofen ha virtualmente deciso la concorrenza, ma non è stato il solo a raccomandarla. Fokker ha ricevuto immediatamente un ordine provvisorio per 400 velivoli di produzione, che sono stati nominati D.VII di Idflieg.

La fabbrica di Fokker non era all'altezza del compito di soddisfare tutti gli ordini di produzione D.VII e Idflieg ordinò ad Albatros e AEG di costruire il D.VII su licenza, sebbene AEG non produsse alla fine alcun aeromobile. Poiché la fabbrica Fokker non ha utilizzato piani dettagliati come parte del suo processo di produzione, Fokker ha semplicemente inviato una cellula D.VII per Albatros da copiare. Albatros ha pagato a Fokker una royalty del cinque percento per ogni D.VII costruito su licenza. Albatros Flugzeugwerke e la sua controllata, Ostdeutsche Albatros Werke (OAW), hanno costruito il D.VII negli stabilimenti di Johannisthal [Fokker D.VII (Alb)] e Schneidemühl [Fokker D.VII (OAW)]. Le marcature degli aerei includevano la designazione del tipo e il suffisso di fabbrica, immediatamente prima del numero di serie individuale.

Alcune parti non erano intercambiabili tra velivoli prodotti in diverse fabbriche, anche tra Albatros e OAW. [2] Ogni produttore tendeva a differire in entrambi gli stili di verniciatura del naso e il modello e la disposizione delle feritoie di raffreddamento del vano motore sui lati del naso. [3] Gli esempi prodotti da OAW sono stati consegnati con macchie malva e verdi distintive sulla carenatura. Tutti i D.VII sono stati prodotti con il cinque colori Fünffarbiger o meno spesso, il quadricolore Vierfarbiger copertura mimetica a losanga, ad eccezione dei primi D.VII prodotti da Fokker, che avevano una fusoliera verde striata. Le finiture mimetiche di fabbrica erano spesso sovraverniciate con schemi di verniciatura colorati o insegne per il Jasta o per un pilota.

Nel settembre 1918, otto D.VII furono consegnati alla Bulgaria. Alla fine del 1918, la compagnia austro-ungarica Magyar Általános Gépgyár (MÁG, Hungarian General Machine Company) ha iniziato la produzione su licenza del D.VII con motori Austro-Daimler. La produzione continuò dopo la fine della guerra, con fino a 50 velivoli completati. [4]

Centrali elettriche

I primi D.VII di produzione erano equipaggiati con Mercedes D.IIIa da 170-180 CV. [5] La produzione passò rapidamente al motore standard previsto, il Mercedes D.IIIaü a compressione più elevata da 134 kW (180-200 CV). Alcuni D.VII di prima produzione consegnati con la Mercedes D.IIIa furono successivamente rimotorizzati con il D.IIIaü.

A metà del 1918, alcuni D.VII ricevettero la BMW IIIa "sovracompressa" da 138 kW (185 CV), il primo prodotto dell'azienda BMW. La BMW IIIa ha seguito la SOHC, configurazione sei cilindri in linea della Mercedes D.III, ma ha incorporato diversi miglioramenti. L'aumento della cilindrata, una maggiore compressione e un carburatore che regola l'altitudine hanno prodotto un marcato aumento della velocità e della velocità di salita ad alta quota. Poiché la BMW IIIa era sovracompressa, l'uso del gas a tutto gas ad altitudini inferiori a 2.000 m (6.600 piedi) rischiava una detonazione prematura nei cilindri e danni al motore. A bassa quota, l'accelerazione massima potrebbe produrre fino a 179 kW (240 CV) per un breve periodo. Gli aerei costruiti da Fokker con il nuovo motore BMW furono chiamati D.VII(F), il suffisso "F" sta per Max Friz, il progettista del motore.

L'aereo con motore BMW è entrato in servizio con Jasta 11 a fine giugno 1918. I piloti chiedevano a gran voce il D.VII(F), di cui ne furono costruiti circa 750. La produzione della BMW IIIa fu limitata e la D.VII continuò ad essere prodotta con la Mercedes D.IIIaü da 134 kW (180 CV) fino alla fine della guerra.

I D.VII hanno volato con diversi modelli di eliche di diversi produttori. Nonostante le variazioni non vi è alcuna indicazione che queste eliche fornissero prestazioni disparate. Sono state notate eliche Axial, Wolff, Wotan e Heine.

Storia operativa

Prima guerra mondiale

Il D.VII entrò in servizio di squadriglia con Jasta 10 all'inizio di maggio 1918. Quando il Fokker D.VII apparve sul fronte occidentale nell'aprile 1918, i piloti alleati in un primo momento sottovalutarono il nuovo caccia a causa del suo aspetto squadrato e sgraziato, ma rapidamente rividero il loro punto di vista. Il tipo dimostrò rapidamente di avere molti importanti vantaggi rispetto agli esploratori Albatros e Pfalz. A differenza degli esploratori Albatros, il D.VII poteva immergersi senza alcun timore di cedimenti strutturali. Il D.VII è stato anche notato per la sua elevata manovrabilità e capacità di salita, il suo stallo straordinariamente docile e la riluttanza a girare. Potrebbe "appendere sull'elica" senza fermarsi per brevi periodi di tempo, spruzzando gli aerei nemici dal basso con il fuoco delle mitragliatrici. Queste caratteristiche di maneggevolezza contrastavano con gli esploratori contemporanei come il Camel e lo SPAD, che si fermavano bruscamente e giravano vigorosamente.

Diversi velivoli hanno subito cedimenti alle costole e spargimento di tessuto sull'ala superiore. Il calore del motore a volte accendeva munizioni al fosforo fino a quando non venivano installate ulteriori feritoie di raffreddamento sui lati metallici dei pannelli della cappottatura del motore e i serbatoi del carburante a volte si rompevano alle giunture. Gli aerei costruiti dalla fabbrica Fokker a Schwerin erano noti per il loro livello inferiore di lavorazione e materiali. Nonostante i difetti, il D.VII si è rivelato un progetto di notevole successo, portando al familiare aforisma che potrebbe trasformare un pilota mediocre in un bravo pilota e un buon pilota in un asso.

Richthofen morì giorni prima che il D.VII iniziasse a raggiungere il Jagdstaffeln e non l'ha mai volato in combattimento. Altri piloti, tra cui Erich Löwenhardt e Hermann Göring, raccolsero rapidamente vittorie e generalmente lodarono il design. Inizialmente la disponibilità di velivoli era limitata, ma a luglio erano 407 in servizio. Numeri più grandi divennero disponibili ad agosto, a quel punto i D.VII avevano ottenuto 565 vittorie. Il D.VII eventualmente equipaggiato 46 Jagdstaffeln. Quando la guerra finì nel mese di novembre, 775 aerei D.VII erano in servizio.

Servizio del dopoguerra

Gli Alleati hanno confiscato un gran numero di aerei D.VII dopo l'armistizio. L'esercito e la marina degli Stati Uniti hanno valutato 142 esempi catturati. [6] Molti di questi velivoli furono rimotorizzati con motori Liberty L-6 di fabbricazione americana, molto simili nell'aspetto alle centrali elettriche tedesche originali del D.VII. Anche Francia, Gran Bretagna e Canada hanno ricevuto numerosi premi di guerra.

Altri paesi hanno utilizzato operativamente il D.VII. I polacchi schierarono circa 50 velivoli durante la guerra polacco-sovietica, utilizzandoli principalmente per missioni di attacco al suolo. [7] La ​​Repubblica Sovietica Ungherese utilizzò un certo numero di D.VII, sia costruiti da MAG che da aerei ex-tedeschi nella guerra ungherese-rumena del 1919. [8]

Anche le forze aeree olandesi, svizzere e belghe gestivano il D.VII. L'aereo si dimostrò così popolare che Fokker completò e vendette un gran numero di cellule D.VII che aveva contrabbandato nei Paesi Bassi dopo l'armistizio. Ancora nel 1929, la società Alfred Comte produceva otto nuove cellule D.VII su licenza per gli svizzeri Fliegertruppe.

Varianti

Operatori

  • Argentina: Aviazione navale argentina (un aereo ex-francese catturato nel dopoguerra)
  • Austria-Ungheria: Marina austro-ungarica
  • Belgio
      (dopoguerra)

  • (Flugwissenschaftliche Arbeitsgemeinschaft Bremen)

    (Fábrica Brasileira de Aeronaves, Ltda)

    Fabian

    Fabre

    Fabrica de Avioanes

    Fábrica Militar de Aviones

      • Ae, per "Dirección General de Aerotécnica" (1927-1936)
      • FMA, per "Fabrica Militar de Aviones" (1938-1943)
      • I.Ae., per "Instituto Aerotecnico" (1943-1952)
      • IA, significato non specificato (dal 1952 al 2007)

      Fachschule für Ultraleicht und Motorflug

      (Fachschule für Ultraleicht- und Motorflug GmbH (FUL), Hörselberg-Hainich, Turingia, Germania)

      FAG Chemnitz

      (Flugtechnischen Arbeitsgemeinschaft der Staatlichen Akademie für Technik - Chemnitz)

      F.A.G. Amburgo

      (Flugtechnische Arbeitgemeinschaft an der H.T.L. Amburgo)

      F.A.G. Stettino

      (Flugtechnische Arbeitgemeinschaft an der H.T.L. Stettino)

      Fairchild

      (Walter L Fairchild, Mineola NY.)

      Fairchild

      (Fairchild, Fairchild-Hiller, Fairchild-Republic, Fairchild-Swearingen, Fairchild-Dornier)

      Fairey Aviation Company

      Fairtravel

      (Fajr Aviation & Composites Industry)

      Falck

      Falcomposito

      Falconar

      ((Chris) Falconar Avia Ltd, Edmonton Canada.)

      (Fabbrica Argentina di materiali aerospaziali)

      Fanaero-Cile

      Aria di fantasia

      Faradair

      Faria

      (Lawrence Faria, Richmond OH.)

      Farina

      (Farina Aircraft Corp, 690 8 Ave, New York NY.)

      Farman Aviation Works

      (Société Anonyme des Usines Farman (S.A.U.F.)) (Dick, Maurice e Henry Farman)

      Maurice Farman

      Henry Farman

      Farman

        - adattamento al fuoco dei razzi Le Prieur - apertura alare più corta - motore Renault più grande da 127 kW (170 CV) - motore Renault più grande da 142 kW (190 CV) - F.41 con motore Renault da 142 kW (190 CV)
         : Designazione dei primi tre prototipi di aerei di linea F.60.  : Questa designazione è stata data alla versione da trasporto, alimentata da due motori Salmson 9Az da 300 hp (224 kW).  : Bombardiere notturno a tre posti evoluto dall'F.60 Goliath. Era equipaggiato con due motori Salmson 9Zm da 260 e 160 CV e 210 furono consegnati all'aviazione navale e dell'esercito francese.  : idrovolante aerosilurante, alimentato da due motori a pistoni radiali Gnome-Rhone Jupiter.  : Versione a muso smussato del 1924, alimentata da due motori Renault 12Fy da 310 hp (231 kW).  : Una F.60 equipaggiata con due motori Renault 12Fe da 300 hp (224 kW), che gli hanno dato prestazioni migliori. Ne furono costruiti solo due. BN.4 : Versione per l'esportazione per l'Unione Sovietica, alimentata da due motori Lorraine-Dietrich V-12 da 450 hp (336 kW). BN.4 : Simile alla versione export F.62 BN.4, alimentata da due motori a pistoni radiali Gnome-Rhone Jupiter da 450 hp (336 kW).  : Questa versione è stata costruita per la Marina francese, poteva essere dotata di galleggiante o carrello di atterraggio intercambiabili. BN.3 : Fu costruito un aereo alimentato da Jupiter, destinato ad essere esportato in Romania. BN.4 : Trentadue bombardieri a propulsione Jupiter esportati in Polonia.  : Uno speciale velivolo Goliath, alimentato da quattro motori a pistoni radiali Salmson in coppia in tandem.

      Farman-Standard

      Farner

      Farner Werke (A+I)

      Farnham

      (Lawrence Farnham, Fort Collins CO.)

      Farrington

      (Farrington Aircraft Corp, Paducah, Kentucky, Stati Uniti)

      Fasig-Turner

      (Charles P Fasig e Charles Turner.)

      FASTec

      (Advanced Technology Products Inc, Worcester MA.)

      Faust

      (Elmer Faust, dba Cody Aero Services, Cody WY.)

      Fauvel

      Fawcett

      FD-Compositi

      (FD-Compositi, Arbing, Austria)

      Federale

      (Federal Aircraft & Motor Corp, New York City NY)

      Federale

      (Corpo Federale Aeronautico, San Bernardino CA)

      Federale

      (Federal Aircraft Ltd, Montreal Canada)

      Fedorov

      Feiro

      Felio

      (Harold G Felio, Los Angeles CA.)

      Felix

      (Charles Felix, Hatfield PA.)

      Felixstowe

      Fellabaum

      Fellot-Lacour

      Ferber

      Fernic

      ((George B) Fernic Aircraft Corp, 3493 Richmond Terrace, Staten Island NY)

      Ferrière

      Fetterman

      ((Fred O) Fetterman Aircraft Corp, Brooklyn NY.)

      Feugray

      (Flug- und Fahrzeugwerke Altenrhein / Politecnico federale – (Eidgenössische Technische Hochschule Zürich))

      FFV Aerotech

      (Kungliga Flygförvaltningens Flygverkstad i Stoccolma - Fabbrica di aeromobili della Royal Air Administration a Stoccolma)

      Fiat Aviazione

      (Fabbrica Italiana Automobili Torino - Fabbrica Italiana Automobili di Torino)

      FIAT-CMASA

      (Fabbrica Italiana Automobili Torino - Costruzioni Meccaniche Aeronautiche S.A.)

      FIAT-CANSA

      (Fabbrica Italiana Automobili Torino - Costruzioni Aeronautiche Novaresi S.A.)

      Fiberdyne

      (Fiberdyne Associates Inc, West Chester PA.)

      Fiedor

      (Ludwick Fiedor, Cleveland OH.)

      Campo

      (Raymond Field, 208 N Erie St, Wichita KS.)

      Campo

      (KG Field, mercato statale, Seattle WA.)

      Fieseler

      (Gerhard Fieseler Werke GmbH)

      (William J Fike, Anchorage AK e Salt Lake City UT.)

      Filtro

      (Filper Research Corp, San Ramon e Livermore CA.)

      Finklea

      (Finklea Brothers, Leland MS.)

      Firebird

      Pietra focaia

      (1940: G&A (Gliders & Aircraft) Div, Firestone Tire & Rubber Co, Willow Grove PA. 1946: Firestone Aircraft Div su acquisizione di Pitcairn-Larsen Autogiros.)

      Primo colpo

      (First Strike Aviation Inc (pres: Bobby Baker), Pigott AR.)

      Pescatore

      Pescatore

      (Fisher Body Works, Cleveland OH.)

      Pescatore

      (Edward Fisher, Kansas City MO.)

      Pescatore

      (Div Fisher, General Motors Corp, Cleveland OH.)

      Pescatore

      ((Gene e Darlene Jackson-Hanson) Fisher Flying Products, Edgely ND.)

      Fisher-Boretski

      Pescatore

      Fitzsimmons

      (Frank Fitzsimmons, Hempstead NY.) [2]

      Fizir

      FK-Aerei luminosi

      Aria fiammeggiante

      Segnalazione

      (Flagships Inc, San Diego CA)

      Flagg-Snyder

      ((Claude) Flagg-(Barney) Snyder, San Diego CA.)

      Flaglor

      (F K "Chuck" Flaglor, Des Plaines IL.)

      Fenicottero

      (Metal Aircraft Corp, Lunken Airport, Cincinnati OH)

      Fiandre

      Flaris

      Flotta

      Fleetcraft

      (Fleet Airplane Corp (fdr: John B Moore), Lincoln NB)

      Fleetwings

      (c.1930: Fleetwings Inc (pres: Frank o Cecil de Ganahl), Radcliffe St, Bristol PA. 1934: Stabilimento acquisito da Hall Aluminium Aircraft Co. 1941: (Henry J) Kaiser-Fleetwings Inc (pres: EE Trefethen Jr) .)

      Fleming

      (JWT e William G Fleming, Memphis TN.)

      Flemming

      Fletcher

      Fletcher

      ((Wendell, Frank, Maurice) Fletcher Aviation Corp, 190 W Colorado St, Pasadena CA)

      Ultraleggeri di Fletcher

      Flettner

      (Flettner Flugzeugbau GmbH / Anton Flettner G.m.b.H.)

      Fleury

      Flessibile

      Progettazione del volo

      Volo in volo

      (Flight Dynamics (pres: Thomas H Purcell Jr), Raleigh NC.)

      Stella di volo

      Squadra di volo

      (Flight Team UG & Company AG, Ippesheim, Germania)

      Lavori di volo

      (Flightworks Corp, Austin TX.)

      Fliteways

      (Fliteways Inc (Ben White), Milwaukee WI.)

      Flitzer Sportplanes

      Florine

      Florov

      Floyd-Bean

      (Bob Bean e Tom Floyd, Inglewood CA.)

      F L S Z

      (Livello di volo Six-Zero Inc, Colorado Springs CO.)

      Ali di Flugschule

      Flugtechnischer Verein Spandau

      Fly Air Co.

      (Fly Air Co, Pravec, Bulgaria)

      Fly Castelluccio Paramotore Parapendio e Trike srl

      Vola forte trike

      (Wildwood, Georgia, Stati Uniti)

      Prodotti per la mosca

      Sintesi di mosca

      Vola Wurm

      (Paul Maiwurm, Mission Beach (San Diego) CA.)

      Fly-fan

      (Fly-Fan sro, Trenčín, Slovacchia)

      FlyLatino

      FlyNano

      Flyfabrikk

      Flygfabriken

      Auto volante

      Volare K

      Leggenda volante

      Macchine volanti s.r.o.

      Mercurio volante

      Flyitalia

      Flylab

      (Flylab Srl, Ischitella, Italia)

      Flylight Airsports

      (Northampton, Regno Unito)

      Flyvetroppernes Værksteder

      (Flyverkorpsets Værksteder (1924–32)  Flyvertroppernes Værksteder (1932-1943))

      Flywhale

      vedi:Fábrica Militar de Aviones|Fábrica Militar de Aviones

      FMP s.r.o.

      Focke-Achgelis

      (Focke-Achgelis & Co. G.m.b.H.)

        [1]Drache (Dragon), elicottero da trasporto (prototipo) [1][1]Hornisse (Hornet), elicottero (prototipo) [1] , aereo sperimentale VTOL [1][1][1]Bachstelze (Wagtail), elicottero (prototipo) elicottero da ricognizione (prototipo), 1944 [1]

      Focke-Wulf

      (Focke-Wulf Flugzeugbau G.m.b.H.)

        [1] (Cierva C.30) Velivolo da ricognizione biposto ad ala parasole Biposto da addestramento/idrovolante da ricognizione Velivolo da addestramento biposto ad ala alta Velivolo da addestramento biposto ad ala parasole [1][1][1] Modificato Albatros L 102 aereo da addestramento a due posti Elicottero Caccia intercettore a reazione Aereo da ricognizione autogiro [59]

      Fokker

      (Fokker Flugzeug-Werke G.m.b.H.) - Schwerin, Germania (prefissi di designazione Fokker e Idflieg)

      • B = Anfibio(*)
      • C = Uso generale
      • D = Doppeldecker (caccia biplano), poi caccia
      • Dr = Dreidecker (caccia triplano)
      • E = Eindecker (caccia monoplano)
      • F = Aereo da trasporto(*)
      • G = Caccia/bombardiere bimotore(*)
      • K = Kampfflugzeug (Combattente)
      • S = Allenatore (*)
      • T = Bombardiere(*)
      • V = Versuchflugzeug (sperimentale)
      • W = Wasserflugzeug (Flying Boat) biplano da ricognizione (designazione militare austro-ungarica) idrovolante (designazione Fokker) biplano da ricognizione (designazione militare austro-ungarica) idrovolante (designazione Fokker) [60][60] aereo da caccia triplano (designazione militare tedesca) ) V.44 aereo di linea non completato (designazione Fokker) progetto non costruito progetto non costruito progetto non costruito progetto non costruito progetto non costruito progetto non costruito [61] non completato

      Fokker-Atlantico

        Ambulanza Attacco Artiglieria Osservazione / Osservazione Atlantica [62] Bombardiere leggero anfibio costruito per H.S. Vanderbilt [62] Super Universal Super Trimotor Flying Yacht [62] Aereo di linea e cargo Aereo di linea e cargo [62][62][62][62]

      Folkerts

      (Clayton Folkerts, Moline IL, Robertson MO)

      Folland

      Follis

      (Fred E Follis, Nashville TN.)

      Forbes

      (Ford Airplane Company, Tulsa OK.)

      Ford-Leigh

      ((Alfred G) Leigh Safety Wing Inc & Brunner-Winkle Co.)

      Ford-Van Auken

      (Edsel Ford e Charles Van Auken, 1302 Woodward Ave, Detroit MI.)

      Per uomo

      (Albert V Forman, Medford OR.)

      Fornaire

      Fortier

      (Amilcar E Fortier, New Orleans LA.)

      Allevare

      (Joe Foster e Floyd Simpson, Anderson SC.)

      Allevare

      Allevare

      Foster, Wikner Aircraft

      Fouga

      Trovato

      (Fondata Aircraft Development Inc, Parry Sound, Ontario, Canada.)

      Quattro venti

      Fournier

      (René Fournier, Avions Fournier)

      Fowler

      ((Robert G) Fowler Corp, San Francisco CA.)

      Fowler

      (Harland D Fowler, New Brunswick NJ.)

      Fowler

      Fowler

      (Donald Fowler e Francis Gallant, Boston MA.)

      (Alfred C Fox, Beaverton OR.)

      Foxcon Aviation

      (Foxcon Aviation & Research Pty, Mackay, Queensland, Australia)

      Frakes Aviation

      Portafoto

      (Augusto J Frame, Columbus OH.)

      Francesco

      (Royal N "Roy" Francis, zona Santa Clara CA.)

      Francesco-Angel

      (Jerry Francis e Harold Angell, Lansing MI.)

      Franco

      Franklin

      (Franklin Aircraft Corp (prima come Joy Mfg Co), Franklin PA)

      Franklin

      (Deward Franklin, Boulder City NV.)

      Franklin

      Franklyn

      Frati

      (aereo disegnato da Stelio Frati, ma prodotto da vari costruttori)

        [65] (Sparviero) [66][67] Cobra quadriposto proiettato (it: "Kangaroo") [68][68][68] - Variante più recente per l'Aeronautica Militare Italiana. 30 costruiti - primo prototipo alimentato da 187 kW (250 hp) Lycoming O-540-AID - due prototipi alimentati da 194 kW (260 hp) Lycoming O-540-E4A5 [65] - Stelio Frati - Aeroclub di Busto Arsizio, Varese [69] (italiano: "Woodpecker") - prototipo con motore Lycoming O-320 e tre posti (1 costruito) - versione con motore Continental IO-470 e serbatoi di punta (1 costruito) - proposta versione simile all'F.15B con motore Franklin (non costruito) - versione interamente in metallo dell'F.15B con motore Continental IO-520K (1 costruito dal Generale Avia) - versione biposto dell'F.15E con tettuccio a bolla (1 costruito dal Generale Avia) - F30 Golden Car - F.15F costruito da JSC Sokol per HOAC - versione di produzione iniziale con motore Lycoming O-360 e quattro posti (10 costruiti da Procaer) - simile all'F.15A ma con ali di apertura maggiore e serbatoi di carburante trasferiti dalla fusoliera a ali (20 costruite da Procaer) [67] - Versione di produzione dell'F.260 (it: "Kangaroo")

      Federico-Ames

      (Frederick-Ames Research Corp, Anaheim CA.)

      Compagnia di aeroplani Freebird

      (Marshville, Carolina del Nord, Stati Uniti)

      Innovazioni per uccelli gratis

      (Free Bird Innovations, Inc, Detroit Lakes, Minnesota, Stati Uniti)

      Aviazione della libertà

      Libertà Lite

      (Freedom Lite Inc, Walton, Ontario, Canada)

      Maestro della libertà

      (Freedom Master Corp, Merritt Island FL.)

      Spirito libero

      (Free Spirit Aircraft Co Inc, Huntington Beach CA.)

      Ala libera

      ((Hugh) Schmittle Aircraft (con Odile Legeay), Annapolis MD. )

      FreeX

      Congelare

      (Joseph C Freeze (o Freese?), Kansas City KS.)

      Freiberger

      Frenard

      (Fred N Arnoldi, Columbus OH.)

      Brezza fresca

      (Fresh Breeze GmbH & Co Kg, Wedemark, Germania)

      Freüller Valls

      Friedrichshafen

      (Flugzeugbau Friedrichshafen G.m.b.H.)

      Frier

      (John Frier, 5833 Julian St, SDt Louis MO.)

      Friesley

      (Friesley (Harold Friesleben) Aircraft Corp, Gridley CA.)

      Froebe

      Froberg

      (Froberg Airplane Co, Richmond CA.)

      Frontier Aircraft Inc

      (Vail, Colorado, Stati Uniti)

      FRuBA

      (Flugzeug Reparatur und Bau Anstalt - impianto di riparazione e produzione di aeromobili / Julius Kolin)

      (Fry Aircraft Design, Wilen bei Wollerau, Svizzera)

      (Gerhard Winkler / Johannes Höntsch / Flugsportgruppe Schönhagen)

      FTAG Esslingen

      (Flugtechnische Arbeitsgemeinschaft an der Fachhochschule Esslingen -Hochschule für Technik e.V.)

      (Fuji Jukogyo Kabushiki Kaisha)

      Fujinawa

      Fukudu

      (Fukudu Kei Hikoki Seisakusho - Fukudu Light Airplane Manufacturing Works)

      Fukunaga

      (Fukunaga Hikoki Seisakusho - Fukunaga Airplane Manufacturing Works)

      Fuller-Hammond

      (Skycraft Industries (fdrs: George B Fuller e Wilbur A Hammond), 350 Washington Blvd, Venezia CA.)

      Fulton

      (Fulton Aircraft Div, Flight Training Research Assn Inc, Continental Corp (dispositivi di addestramento militare).)

      (Akron Aircraft Co Inc (fdrs: Joseph & Howard Funk, con un consorzio di imprese), 277 Brown St, Akron OH)


      L'economia stava andando avanti nel periodo dal 1948 al 1962: la produzione industriale raddoppiò ei Paesi Bassi erano sulla buona strada per diventare la società moderna che vedi oggi. Le persone hanno iniziato a trascorrere le vacanze all'estero e la domanda di viaggi aerei è aumentata rapidamente.

      Scuola Anthony Fokker
      Schiphol si è rapidamente sviluppato in un aeroporto hub internazionale riconosciuto, con il settore dell'aviazione olandese che si sviluppa in tandem. La domanda di tecnici aeronautici qualificati è esplosa, incoraggiata dalla politica del governo dell'epoca. L'interesse dei nuovi studenti si accese e la scuola tecnica aeronautica presso lo Zeezwaluwhof a Scheveningen divenne rapidamente troppo piccola. Sono stati messi in atto i piani per creare un nuovo e moderno edificio scolastico presso il Binckhorst e gli architetti F.C. de Weger e W. Zonneveld furono incaricati di elaborare i progetti. La scuola per la tecnologia aeronautica si trasferì nel suo nuovo alloggio a Binckhorstlaan 249 nel 1961. Il gruppo iniziale di 300 studenti fu deliziato dal nuovo alloggio e, dato l'abbondante spazio ora disponibile, il numero di studenti aumentò rapidamente.

      L'edificio caratteristico consisteva in un hangar di 1.200 m2, alto 9 m, circondato da aule. Gli studenti erano liberi di affinare le loro abilità sugli aerei nell'aula magna. Le aule si aprivano direttamente sugli spazi tecnici questo era un elemento essenziale della filosofia educativa che ha ispirato l'edificio.

      Nel 1966 il consiglio scolastico decise di ribattezzare la scuola Anthony Fokker School (AFS). La società Fokker aveva in numerose occasioni salvato la scuola quando si era trovata in acque finanziarie profonde.

      Con il numero di studenti in aumento, lo spazio in questa scuola si è esaurito rapidamente. Nel 1984, con l'albo della scuola che ora contava 500 studenti, si iniziò a espandere l'edificio, aumentando lo spazio del quaranta percento. L'hangar è stato ampliato a 2000 m2, con l'aggiunta di aule extra. L'estensione è stata completata nel 1986, consentendo ancora una volta di aumentare il numero degli studenti. Nel 1990 l'AFS contava 692 studenti maschi e 13 femmine.

      L'edificio al Binckhorstlaan 249 a L'Aia ha ospitato la scuola tecnica per la tecnologia aeronautica dal 1961 al 1993. Nel 2009 l'edificio è stato ristrutturato come sede di conferenze ed eventi: il "Fokker Terminal". La sede è diventata una presenza di successo e un attore riconosciuto nel mercato congressuale (inter)nazionale. "

      L'industria aeronautica ha continuato ad espandersi a velocità sostenuta. Per tenere il passo, nel 1990 il governo olandese ha avviato i piani per una scuola ancora più grande a Hoofddorp, una scuola in grado di fornire al settore dell'aviazione 1000 laureati all'anno. Nel 1994 gli studenti si trasferirono al Dutch Aviation College (ROCvA) a Hoofddorp e il nome Anthony Fokker School fu abbandonato.

      Tra il 1994 e il 2006 l'edificio ha svolto numerose funzioni, tra cui un centro di formazione pratica (Elsloo Praktijkonderwijs) e un luogo di lavoro/studio per vari progetti.

      Nell'ottobre 2008 la fiera d'arte ARTI è stata la prima fiera che si è tenuta presso l'AFS, attirando 7500 visitatori in cinque giorni. L'edificio, che a questo punto era previsto per la demolizione, improvvisamente si è nuovamente crogiolato in un bagliore positivo e ha attirato l'attenzione di un impressionato consiglio comunale dell'Aia. LM+MC (l'attuale operatore) ha svolto una ricerca di mercato sulla fattibilità di riqualificare l'edificio come sede di eventi per il mercato commerciale, ottenendo riscontri positivi. Il complesso è stato rinnovato nel 2009 e ribattezzato Fokker Terminal. Da allora la sede è cresciuta di statura fino a diventare un luogo di conferenze ed eventi leader con un appeal nazionale.

      Fonte:
      Fonte: Een werkplaats voor de toekomst – Anthony Fokkerschool 1936-1993, Marck Dierikx e Ernest Hueting pubblicato da Matrijs, 2000 ISBN 90 5345 161 7.


      Mục lục

      • D.XXI-1: Phiên bản sản xuất đầu tiên, 2 chiếc được chế tạo cho Đan Mạch.
      • D.XXI-2: 36 chiếc cho RNLAF. Tổng số chế tạo: 53
      • D.XXI-3: D.XXI-2 do Phần Lan chế tạo. Tổng số chế tạo: 38
      • D.XXI-4: D.XXI-3 nâng cấp, lắp động cơ R-1535-SB4C-G Twin Wasp Junior 825 CV (615 kW). Tổng số chế tạo: 50
      • D.XXI-5: D.XXI-4 nâng cấp, lắp động cơ Bristol Pegasus 920 CV (686 kW). Tổng số chế tạo: 5
      • Progetto 150: Phiên bản xuất với động cơ Bristol Hercules. Không chế tạo.
      • Progetto 151: Phiên bản xuất với động cơ Rolls-Royce Merlin. Không chế tạo.
      • Progetto 152: Phiên bản xuất với động cơ Daimler-Benz DB.600H. Khong chế tạo.

      1 Luchtvaartregiment (1 trung đoàn) 1 và 2 Jachtvliegersafdeling (JaVa) (phi đoàn tiêm kích) 2 Luchtvaartregiment


      Assi di Jagdgeschwader Nr III

      Bailey, Frank e Cony Christophe, The French Air Service War Chronology
      1914-1918, Londra, 2001 Bolle, C, Jagdstaffel Boelcke (30. . 1930 Bronnenkant,
      l, Ph d, The Imperial German Eagles in Guerra mondiale I, Volume 1 e Volume 2,
      Atglen, PA, 2006 e 2008 Brzenk, . Osprey Aircraft del assi 53 – Fokker D
      VII Assi di Guerra mondiale 1, parte 1, Botley, Oxford, 2003 Gastreich, S e Waiss, W,
      Aus dem.

      Autore: Greg VanWyngarden

      Editore: Bloomsbury Publishing


      Contenuti

      Il programma Fokker F28 Mk 0100 è stato annunciato nel 1983 come un sostituto aggiornato per il popolare, ma sostituito F28 di Fokker Compagnia design. Commercializzato come Fokker 1000, il design era basato sull'originale F28 ma presenta un'avionica moderna, motori turbofan Rolls-Royce Tay di nuova generazione e un'ala ridisegnata. Tuttavia, la differenza più evidente è stata la fusoliera più lunga, che ha aumentato i posti a sedere del 65% da 65 nella serie F28 originale a un massimo di 107 in una disposizione a classe singola tre per due. Fokker sostiene che la nuova vela sia il 30% più efficiente in crociera, pur mantenendo la semplicità di un bordo d'attacco fisso. Il cockpit è stato aggiornato con un Rockwell Collins DU-1000 EFIS. Come il Fokker Fellowship, il Fokker 100 è dotato di due motori posteriori montati sulla fusoliera e di una coda a T, simile a quella della famiglia Douglas DC-9. Il Fokker 100 non ha finestre per sopracciglia sopra le finestre principali della cabina di pilotaggio come sul Fokker F28.

      Furono costruiti due prototipi: il primo, PH-MKH, volò per la prima volta il 30 novembre 1986, e il secondo, PH-MKC, seguì il 25 febbraio 1987. Il certificato di omologazione fu rilasciato nel novembre 1987. Le prime consegne di le versioni con motore TAY620-15 sono arrivate a Swissair nel febbraio 1988. American Airlines (75 aerei ordinati), TAM Transportes Aéreos Regionais (ora TAM Airlines) (50 aerei) e US Air (40 aerei) erano i principali clienti del Fokker 100 e dei loro gli aerei erano alimentati dal più potente TAY 650-15.


      Nuovi numeri di WW1 Aero e Skyways ora disponibili!

      La nostra organizzazione è orgogliosa di annunciare l'uscita dei nostri ultimi numeri di WW1 Aero & Skyways, che sono ora disponibili sia in formato cartaceo che PDF! Questi nuovi numeri possono essere acquistati visitando il nostro negozio online, dove puoi trovare anche una vasta selezione di numeri arretrati.

      WW1 Aero #219 – maggio 2014
      100 pagine – E trionfato su tutto: Marcel-Georges Brindejonc des Moulinais, Maurice Guillaux e la Pommery Cup (Parte 4) Monoplani Morane-Saulnier (Parte 3) Un riassunto dei motori aeronautici Daimler: Aerei (Parte 3) Tutto era in corso Distrutto dall'impotenza aerea: il potere aereo come moltiplicatore di forza durante gli ultimi giorni della rivolta araba, settembre 1918 La scacchiera SPAD Koblenz Carnival Showbird profili colore Aereo: riproduzione Sopwith Snipe di Nick Caudwell, riproduzione Fokker D.VII di Tim Plunkett Musei & Organizzazioni: Centenario dell'aviazione militare in Australia, TVAL Evening WWI Airshow Models (WRAM Show) Aero Sim Flying (atterraggio dell'Albatros) Nuove uscite Pubblicazioni Desidera & Disposal

      Skyways #106 – aprile 2014
      80 pagine – NUMERO SPECIALE LOCKHEED VEGA: Lockheed vanta risultati invidiabili Rimanendo Lockheed Vegas NC12288 per volare di nuovo – Estratti da Antique Airplane Ass'n News – Brent Taylor NC12288 – Foto del primo volo – Francois Bergeon NC12288 – Storia delle foto: dal 1933 al 1983 Golden Treasures – Winnie Mae di NASM, allora e Ora – Tom Polapink NC13705, Shell's Vega – Gerry Schwam NC13705 – Foto di un'epoca precedente – Collezione Dave Ostrowski NC105W – Aggiornamenti sul restauro di Vega- Kermit Weeks Lockheed Vega Scrapbook Scegliere una struttura per aeroplani tra aviatori e applicatori aerei – Charles Peter Colomello Sun-N- Divertimento 2014: reportage fotografico – Clay Hammond Touchdown al Britton Field – Collage di foto dall'archivio dell'antico aerodromo di Rhinebeck Galleria di velivoli sui galleggianti Edo – Joshua Stoff / Cradle of Aviation Aerei casuali della fine degli anni '20 e dei primi anni '30 – Aereo -istocrat, Mac Airliner, Airmaster Monoplane & the Pander Lightplane Models – Lou Buffardi Gli ultimi modelli di Claudio Luchina dai membri W&D Advertisements Ho w per ottenere i numeri PDF e stampati di WWI AERO e SKYWAYS Nuovi prodotti da WWI AERO & SKYWAYS!


      microassi progetta e produce kit di replica di modelli innovativi di velivoli storici che sono di qualità da esposizione MA realizzano volantini eccezionali con l'ausilio di apparecchiature di micro controllo radio.

      Ogni kit ricorda da vicino un aereo specifico che ha guadagnato il suo posto nella Aviation Hall of Fame. Sia per l'audace pilota che lo ha pilotato, sia per la sua stessa reputazione di magnificenza.

      Progettati e realizzati nel Regno Unito, i kit Microaces utilizzano materiali moderni, un sistema di stampa avanzato e un taglio laser accurato per realizzare i componenti di ciascun kit. This all combines to create a very lightweight, yet beautifully detailed scale aircraft that can be flown indoors and out.

      So when you're assembling a Microaces kit, you are truly Making History!

      Visit our negozio to find out more about the kits available today.

      Join us, it's FREE!

      If you'd like to keep up with what's going on in the world of Microaces please feel free to signup to our Microaces Newsletter Group. You'll always be the first to know.


      Índice

      Com design baseado no antecessor Fokker F28, foi lançado em 1983, juntamente com o turboélice Fokker 50. [ 4 ] O primeiro voo ocorreu em 1986. [ 4 ] No Brasil, a Avianca rebatizou a aeronave com o designador MK-28. Foi a maior aeronave construída pela Fokker.

      Em relação ao Fokker F28, as principais mudanças estão na fuselagem bem mais alongada, que acomoda cerca de 108 passageiros com razoável conforto, a aviônica sofisticada e a econômica motorização Rolls-Royce Tay 650, com reduzido nível de ruído, dentro do limite Stage III, com cerca de 15.000 libras de potência individual para a decolagem.

      A boa combinação de asas retas e motores turbofan potentes e econômicos resultou numa aeronave ideal para operar em aeroportos com pistas de médio tamanho, dando o conforto e a velocidade de um avião a jato aos passageiros da aviação regional. Em função disso, o Fokker 100 foi um sucesso de vendas da companhia holandesa.

      No Brasil Editar

      A primeira companhia aérea a utilizar o Fokker 100 no Brasil foi a TAM Linhas Aéreas, que soube aproveitar bem a aeronave após a proibição de grandes aviões nos aeroportos centrais do Rio de Janeiro e São Paulo na década de 1980, o que fez do modelo o único jato da frota brasileira apto a operar no mais movimentado e lucrativo trecho do país: a ponte-aérea Rio São Paulo.

      Também era a única companhia regional a utilizar jatos em aeroportos pequenos, o que a diferenciava das demais, chegando a contar com 50 aeronaves em sua frota ativa.

      Com a crise nas companhias tradicionais, a TAM logo se transformou na maior empresa brasileira de aviação e, após sua rápida internacionalização, viu-se obrigada a renovar e ampliar a frota, escolhendo para isso a família Airbus, o que fez com que paulatinamente aposentasse os aviões holandeses que a ajudaram a se tornar uma gigante no setor.

      A partir de 2006, a Avianca Brasil (antiga Ocean Air) passou a utilizar unidades de segunda-mão adquiridas da norte-americana American Airlines. Os aviões foram rebatizados MK-28. [ 5 ]

      Outra companhia que operou o tipo, duas aeronaves que acabaram na frota da TAM, foi a extinta TABA

      No dia 24 de novembro de 2015 o Fokker 100 se despediu do Brasil, quando a Avianca Brasil fez seu último voo com o modelo. [ 6 ]

      O desenho do Fokker 100 foi anunciado em 1983, em substituição atualizada de seu antigo e já defasado jato comercial F28 Fellowship. Apesar da maioria das partes entre as duas aeronaves serem diferentes, o Fokker 100 foi certificado pela FAA - Federal Aviation Administration como Fokker 28-0100. A distinção mais notável foi a fuselagem consideravelmente mais longa, que aumentou o número de assentos em 65%, indo de 65 nas séries originais do F28, para cerca de 108 em classe única, com assentos triplos e duplos.

      A Fokker também introduziu uma asa redesenhada para o 100, que garantia um ganho em eficiência de até 32% nos voos de cruzeiro. A Fokker optou pelos econômicos e modernos motores turbofan Rolls-Royce Tay, enquanto a cabine foi aperfeiçoada com um pacote de instrumentos EFIS (navegação por instrumentos).

      A aeronave apresenta motores montados na fuselagem e cauda em "T", semelhante aos modelos da família DC-9, MD-80 e MD-90, da norte-americana McDonnell Douglas. Diferente de seu antecessor, não possui janelas acima do cockpit, conhecidas como "eyebrow windows".

      Dois protótipos foram construídos - o primeiro, PH-MKH, voou sua primeira vez em 30 de novembro de 1986 e o segundo, PH-MKC, em 25 de fevereiro de 1987. O certificado de tipo foi alcançado em novembro de 1987. As primeiras entregas dos motorizados com o TAY620-15 se iniciaram para a Swissair em fevereiro de 1988. A American Airlines utilizou 75 aeronaves, a TAM utilizou cerca de 50 aeronaves e a US Airways outras 40. Foram essas grandes empresas as principais clientes da Fokker na década de 1990 e os maiores operadores do Fokker 100, todos com motores TAY650-15.

      No ano de 1991, foram produzidas 70 unidades, com mais de 230 pedidos. Uma versão ER (Extended Range), com tanques adicionais nas asas, foi introduzida em 1993, e outra versão de mudança rápida entre passageiros e cargueiro em 1994, denominado 100QC.

      Um modelo derivado mais curto do Fokker 100, chamado pela empresa de Fokker F-70, foi apresentado em 1993 como um substituto do seu irmão mais velho, F28, com a remoção de 4,70 m (15.42 ft), dando-lhe uma capacidade máxima de 80 assentos.

      Estudos para um provável Fokker 130, com 130 assentos e o Fokker 100QC (cargueiro) não alcançaram estágios mais avançados de desenvolvimento. Um Fokker 100EJ (Executive Jet) foi introduzido em 2003, como uma conversão de aeronaves Fokker 100 usadas.

      Apesar de o desenho ter sido um sucesso no mercado, a Fokker continuou perdendo dinheiro por má administração, o que fez sua controladora Daimler Benz Aerospace decidir por seu fechamento em 1996, encerrando a produção de aeronaves no final de 1997. Havia alguma discussão sobre a empresa ser comprada pela Bombardier, mas os planos não se concretizaram.

      Baseado em Schiphol, nas proximidades de Amsterdã, o grupo holandês Rekkof Restart [ nota 1 ] foi criado com o objetivo de reiniciar a produção dos Fokker 70 e 100, mas após não obter o financiamento necessário, o grupo foi rebatizado para Next Generation Aircraft (ou abreviadamente NG Aircraft) e pretende lançar uma nova versão do Fokker 100, denominada F-120NG, em que "NG" é alusão a Next Generation ("próxima geração"). [ 7 ]

      O Fokker 100 foi produzido em duas versões: Tay 620 e Tay 650: [ nota 2 ]

      Fokker 100
      Tay 620
      Fokker 100
      Tay 650
      Tripulação Técnica Dois
      Capacidade de Assentos 122 (1 classe - máximo)
      107 (1 classe - típico)
      97 (2 classes)
      Comprimento 35,53 m
      Envergadura 28,08 m
      Área de Asa 93.5 m²
      Altura 8,50 m
      Diâmetro da Fuselagem 3,30 m
      Largura da Cabine 3,10 m
      Altura da Cabine 2,01 m
      Peso Básico Operacional 24 375 quilogramas (53 738 lb) 24 541 quilogramas (54 104 lb)
      Peso Máximo de Decolagem (MTOW) 43 090 quilogramas (94 997 lb) 45 810 quilogramas (100 994 lb)
      Carga Paga 11 242 quilogramas (24 784 lb) 11 993 quilogramas (26 440 lb)
      Velocidade Máxima de Cruzeiro 845 km/h (525 mph, 456 nós), Mach 0.77
      Alcance 1.323 nm (2.450 km) 1.710 nm (3.170 km)
      Pista Necessária 1.520 m 1.621 m
      Capacidade de Combustível 13.365 L
      Teto Operacional 35.000 pés (11.000 m)
      Motorização (2x) Rolls-Royce Tay Mk 620-15 Rolls-Royce Tay Mk 650-15
      Potência 13.850 lbf (61,6 kN) 15.100 lbf (67,2 kN)

      Em 2013, 157 aeronaves Fokker 100 continuavam em operação em diversas empresas mundo afora: [ 8 ]

        :
          Compagnie Africaine d'Aviation IRS Airlines Kush Air
          Air Bagan Air Niugini Alliance Airlines Bek Air InvestAvia Airline Iran Air Iran Aseman Airlines Iranian Naft Airlines Kish Air Network Aviation Australia Pelita Air Service Qeshm Airlines Transwisata Air Virgin Australia Regional Airlines
          Carpatair Excellent Air Helvetic Airways AG Moldavian Airlines Montenegro Airlines Trade Air Tyrolean Airways
          Air Panama Dutch Antilles Express
          Air Berlin Air Gabon Air Greece Air Europe American AirlinesAvianca Brasil CCM Airlines EUjet Flight West Airlines Germania Girjet Jetsgo Korean Air Mais Linhas Aereas MALEV Mandarin Airlines Mexicana de Aviación Midway Airlines Palair Macedonian Airlines PGA - Portugália Airlines SwissairTAM Airlines (Paraguai) TABATAM Linhas AéreasTAT European AirlinesUS Airways

        Há registros de 30 acidentes envolvendo o modelo Fokker 100 entre 1987 e 2019, [ 9 ] [ 10 ] [ 11 ] dentre os quais em 12 houve perda total (hull loss) da aeronave. [ 12 ]

        • Voo Palair Macedonian Airlines 301 - em 5 de março de 1993, um voo que seguia de Escópia para Zurique caiu logo após a decolagem devido a acúmulo de gelo nas asas. [ carece de fontes ? ]
          - em 31 de outubro de 1996 um voo da brasileira TAM que partia de Caxias do Sul em direção a Recife, na escala entre São Paulo e Rio de Janeiro caiu logo após a decolagem próximo ao Aeroporto de Congonhas, o acidente resultou na perda de 99 vidas: todos os 96 ocupantes do avião mais 3 pessoas no solo. [ 9 ]
      • [ 13 ] - em 27 de dezembro de 2019, com mais de 90 passageiros e 5 tripulantes, caiu no Cazaquistão deixando 12 mortos. O acidente aconteceu logo após a decolagem, quando a aeronave perdeu altitude, atravessou um muro de concreto e atingiu uma casa de dois andares.

      Em 28 de março de 2014, um Fokker 100 da brasileira Avianca declarou emergência e realizou um "pouso de nariz" [ nota 3 ] no Aeroporto Internacional de Brasília, devido a uma falha no acionamento do trem de pouso dianteiro ("trem de nariz"). O voo 6393 seguia de Petrolina para Brasília com 44 passageiros e 5 tripulantes a bordo. Não houve feridos. [ 10 ] [ 11 ]


      Guarda il video: БЛИЦ ОБЗОР Fokker, Me 262 A-1aJabo, Mirage IIIE и ракеты Х-23М в WAR THUNDER (Gennaio 2022).