Podcast di storia

Alpine APA-92 - Storia

Alpine APA-92 - Storia

Alpino

Una contea nella California orientale.

(APA-92: dp. 11.760; 1.492'; b. 69'6"; dr. 26'6"; s. 18.4 k.; cpl.
478; un. 2 5", 4 40 mm.; El. Bayfield; T. C3-S-A2)

Alpine (APA-92) è stata costituita come Sea Arrow in base a un contratto della Commissione marittima (scafo MC 281) il 12 aprile 1943 a Los Angeles California, dalla Western Pipe and Steel Co.; varato il 10 luglio i943 sponsorizzato dalla signora Helen Marsh, acquisito dalla Marina il 30 settembre 1943, ribattezzato Alpine il 30 agosto 1943 e contemporaneamente designato APA-92; e commissionato il 30 settembre a San Francisco, California, al comando del capitano W. L. Taylor.

Lo stesso giorno, il comando degli Alpini fu trasferito al Comdr. Roger E. Perry. Equipaggiata da un equipaggio civile, ha preso il volo il 2 ottobre e ha navigato verso Portland, nell'Oreg., dove è arrivata il 4 ottobre. Quattro giorni dopo, è stata dismessa dalla Commercial Iron Works per la conversione.

Al termine dei lavori di cantiere, Alpine fu rimessa in servizio il 22 aprile 1944, il Comdr. George G.K. Reilly al comando. Ha preso munizioni, provviste e rifornimenti a bordo e ha lasciato Portland il 7 maggio. Durante la rotta verso sud, la nave tenne esercitazioni di addestramento e raggiunse San Diego il 13 maggio, continuando lo shakedown nell'area di San Diego fino al 18 giugno.

Il giorno successivo, Alpine lasciò San Diego e arrivò a Pearl Harbor il 25. Poco dopo, iniziò a caricare il personale e le attrezzature della 77a divisione dell'esercito. Il 28, Alpine fu assegnata alla Divisione Trasporti 38. Con 1.417 soldati imbarcati, Alpine salpò il 30 giugno per sostenere la presa di Guam. La sua prima tappa è stata Eniwetok, che ha raggiunto il 9 luglio. Una settimana di esercizi di sbarco è stata seguita da qualche altro giorno di rifornimento delle scorte. La nave partì infine per le Marianne il 17 luglio e iniziò a scaricare le sue truppe d'assalto e le sue attrezzature al largo della costa occidentale di Guam il 21 luglio. Per sei giorni, il trasporto è rimasto nella zona fornendo supporto alla sua squadra di sbarco sulla spiaggia. Al 1544 del 27 luglio iniziò il suo viaggio di ritorno via Eniwetok a Pearl Harbor. See raggiunse le Hawaii il 7 agosto e iniziò le riparazioni del viaggio.

Il successivo incarico di Alpine era quello di trasportare truppe per sostenere l'invasione e l'occupazione di Leyte. Il 27 agosto, con 1.416 soldati a bordo, il trasporto lasciò Pearl Harbor per una settimana di esercitazioni anfibie al largo dell'isola di Maui. Tornò brevemente a Pearl Harbor, ma riprese il viaggio il 15 settembre. Alpine ha fatto una sosta di tre giorni a Eniwetok per rifornimenti e poi ha proseguito per Manus in compagnia del Task Group (TG) 33.1. È arrivata lì il 3 ottobre e ha iniziato a scaricare truppe su diversi mezzi da sbarco più piccoli. Il 14 ottobre l'Alpine prese il via con il TG 79.1 per Leyte con 791 soldati imbarcati. La mattina presto del 20 ottobre, arrivò nel Golfo di Leyte e, alle 08:30, iniziò lo sbarco delle sue truppe. Durante il giorno, ha scaricato rifornimenti e ha ricevuto vittime. Il 21, nonostante gli avvertimenti intermittenti di attacchi aerei, ha finito di scaricare le sue truppe. Il trasporto ha lasciato Leyte alle 2000 diretto a Hollandia, in Nuova Guinea.

Alpine si fermò a Humboldt Bav il 26 ottobre e trasferì le vittime in un ospedale di Hollandia. Imbarca vettovaglie e carburante e il 5 novembre prende il largo per Biak nelle isole Schouten. Lì, il trasporto ha caricato lo squadrone del quartier generale della 5th Army Air Force e, il 14 novembre, ha iniziato il viaggio di ritorno nel Golfo di Leyte.

Alle 07:28 del 18 novembre Alpine iniziò a scortecciare le truppe. Individuò presto un aereo nemico e gli artiglieri del trasporto aprirono il fuoco da una distanza di 3000 iarde. L'aereo virò a destra e fu visto schizzare fuori dal quarto di dritta. Più tardi si avvicinò un secondo aereo giapponese; e Alpine di nuovo aprì il fuoco. L'aereo è stato colpito in avanti del gruppo di coda, che è esploso e ha lasciato una scia di fumo nero mentre l'aereo ha iniziato una virata a sinistra ed è andato in picchiata a piena potenza verso il ponte di Alpine. Ad un'altitudine di 1.200 piedi, l'aereo ha preso fuoco, ma si è comunque schiantato contro il lato sinistro del trasporto d'attacco. Due esplosioni hanno prodotto una colonna di fiamme e si sono sollevati detriti. Le squadre dei vigili del fuoco hanno domato le fiamme in mezz'ora. Cinque membri dell'equipaggio sono stati uccisi e 12 feriti. Alpine finì di scaricare le sue truppe e il suo carico, lasciò la zona nel 1810 e si ritirò a Manus.

Il trasporto si ancorò nel porto di Seeadler il 24 novembre e subì le riparazioni dello scafo rese necessarie dai danni provocati dalla battaglia. Il 1º dicembre si trasferì a Finschhafen, in Nuova Guinea, e imbarcò 1.512 soldati dell'esercito e il loro equipaggiamento. Alpine ha quindi partecipato a esercitazioni di artiglieria tattica e contraerea nel Golfo di Huon. Tornò a Manus per rifornire le sue forniture, quindi salpò il 31 dicembre per l'isola di Luzon in compagnia del TG 79.3.

Il trasporto raggiunse il Golfo di Lingayen il 9 gennaio 1945. Dopo aver scaricato le sue truppe e il suo carico, lasciò l'area l'11. Il trasporto arrivò a Leyte il 15 gennaio, dove assunse elementi della 38a divisione di fanteria. Il 26 gennaio l'Alpine riprende la rotta verso Luzon. Dopo due giorni di esercitazioni anfibie, il trasporto è ancorato al largo di Luzon il 29 gennaio e ha iniziato a calare le sue barche alle 0615. Il giorno successivo, ha terminato questo sbarco e si è ritirata a Leyte. Alpine ha trascorso il mese successivo fornendo supporto logistico alle imbarcazioni più piccole presenti nella baia di San Pedro. Ha anche subito un periodo di disponibilità a gara.

Il prossimo incarico di Alpine era quello di sostenere l'invasione di Okinawa e Nansei Shoto. Ha caricato le truppe dell'esercito e ha preso il via il 12 marzo per condurre una settimana di esercitazioni di sbarco al largo della costa meridionale di Samar. Il 27 marzo salpò con il TG 51.13 per Okinawa. Il 1 aprile Alpine iniziò ad ammainare le sue barche. Alle 1908, un aereo giapponese si avvicinò ad Alpine dal quartiere portuale. A 1910, ha preso una bomba sul lato di dritta del suo ponte principale. L'aereo stesso ha poi colpito la nave, provocando incendi nelle stive numero 2 e 3. Entro il 2200, il trasporto indicava sette gradi verso il porto. Un'altra nave si affiancò e aiutò gli sforzi antincendio di Alpine e, entro le 2300, gli incendi furono sotto controllo. L'equipaggio ha quindi iniziato la ricerca delle vittime e ha scoperto che 16 uomini erano stati uccisi e 19 feriti. Il 2 aprile, Gear (ARS-34) si affiancò per assistere la forza della nave nelle riparazioni. Alpine lasciò Okinawa il 6, diretto negli Stati Uniti via Saipan e Pearl Harbor. Ha raggiunto la stazione navale di Seattle, nello stato di Washington, il 30 aprile ed è entrata nel bacino di carenaggio il 1 maggio per la revisione e le riparazioni. La sua riparazione è stata completata entro il 29 giugno e Alpine ha preso il via il 5 luglio per tre settimane di formazione di aggiornamento sulla costa occidentale. Dal 21 al 25 luglio, Alpine ha caricato rifornimenti e personale a Oakland, in California, per la spedizione a Okinawa. Durante il viaggio, si fermò a Pearl Harbor il 31 luglio e a Eniwetok il 9 agosto. Durante la navigazione verso Ulithi il 15 agosto, Alpine ricevette l'annuncio che le ostilità erano terminate. Raggiunse Ulithi il 18 agosto e vi rimase fino al 3 settembre in attesa di ordini.

Alpine ha finalmente riferito a Buckner Bay il 9 settembre. Il 19 settembre, è stata assegnata alla 7th Amphibious Force, Pacific Fleet. Quel giorno salpò per le Filippine, dove
ha assunto truppe programmate per aiutare a occupare la Corea. Il trasporto prese il via da San Pedro Bav il 10 ottobre con imbarcate unità della 6th Divisione di Fanteria. Ha ancorato a Jinsen, in Corea, il 16 ottobre e ha sbarcato i suoi passeggeri. La Alpine riprese il volo il 24 ottobre e si diresse verso vari porti della Cina per caricare le forze americane per il passaggio a casa. Dopo brevi soste a Taku, Weihaiwei e Tsingtao, in Cina, Alpine partì per il lungo viaggio di ritorno verso la costa occidentale. Il trasporto raggiunse San Diego il 19 novembre, quindi subì un'immediata riparazione del viaggio. Il 5 dicembre, è tornata nel Pacifico occidentale. Alpine ha raggiunto Nagoya, in Giappone, arrivando il 26 dicembre. Lì imbarcò 1.915 soldati dell'esercito, invertì la rotta e tornò negli Stati Uniti. Arrivò a Tacoma, nello stato di Washington, il 14 gennaio 1946 e, 12 giorni dopo, iniziò un viaggio, attraverso il Canale di Panama, verso Norfolk, in Virginia. Attraversò il canale il 13 febbraio e arrivò a Norfolk il 20 febbraio. La Alpine fu dismessa a Norfolk il 5 aprile 1946 e il suo nome fu cancellato dall'elenco della Marina il 1 maggio.

Alpine è stato assegnato cinque stelle di battaglia per il servizio della seconda guerra mondiale.

Clearfield ha ricevuto una stella di battaglia per il servizio nella seconda guerra mondiale.


Guarda il video: Видеообзор Alpine UTE-92BT (Gennaio 2022).