Podcast storici

Conoscenza comune del Medioevo non corretta, Parte 1: Perché il Medioevo, non il Rinascimento, ha creato il mondo moderno

Conoscenza comune del Medioevo non corretta, Parte 1: Perché il Medioevo, non il Rinascimento, ha creato il mondo moderno

La visione popolare del Medioevo è un periodo millenario di superstizione e ignoranza, punteggiato da bruciature di streghe e credenza in una terra piatta. Ma il periodo medievale, più che in qualsiasi altro momento della storia, gettò le basi per il mondo moderno. Il lavoro di studiosi, intellettuali, architetti, statisti e artigiani ha portato alla nascita di città, i primi stati burocratici, l'emergere di letterature vernacolari, il recupero della scienza e della filosofia greca con le sue aggiunte arabe e l'inizio delle prime università europee.

Questo episodio è il primo di una serie in cinque parti a esplorare una storia revisionista del Medioevo, a partire dal crollo dell'Impero romano nel V secolo. Cammineremo attraverso i resoconti del regno di Carlo Magno, la peste nera, la caduta di Costantinopoli e tutto il resto. Esplora gli aspetti sociali del Medioevo che sono ancora ampiamente fraintesi (cioè, nessuna persona istruita credeva che la terra fosse piatta). C'era anche un livello sorprendentemente alto di tecnologia medievale, l'amore di Aristotele nel Medioevo e la mancanza di bruciature di streghe (quelle non furono rese popolari fino alla Guerra dei Trent'anni nel periodo rinascimentale).

Il Medioevo non fu un periodo da attraversare fino a quando il Rinascimento non riportò l'Europa al suo diritto di nascita intellettuale e culturale. Piuttosto, erano il fuoco che alimentava la fucina da cui era forgiata l'identità occidentale. Il mondo moderno ha un debito permanente di gratitudine nei confronti della cultura medievale europea. Fu la luce che illuminò l'oscurità in seguito al crollo di Roma e rimase accesa nel mondo in cui abitiamo oggi.

RISORSE SENTITE IN QUESTO EPISODIO

The Age of Illumination: Science, Technology and Reason in the Middle Ages, di Scott Rank